Come arredare un bagno senza finestre

Un bagno “cieco” o senza finestre è il compromesso che si cerca nei casi di superfici abitabili ridotte. In assenza di finestre, il bagno può diventare una fonte di umidità e dare origine a muffe e cattivi odori.

Molto spesso per privilegiare la comodità, siamo invitati a scegliere case o appartamenti di piccole dimensioni. Questo di per sé non sarebbe un problema, se non fosse per le dimensioni ridotte dei servizi sanitari, che vengono ulteriormente penalizzati dalla mancanza di finestre.

Scopriamo nei prossimi paragrafi quali sono le soluzioni più funzionali per arredare un bagno cieco e come scegliere un arredamento moderno ed esteticamente gradevole.

Il bagno cieco

Secondo la normativa italiana, infatti, ogni stanza abitabile deve avere una relativa finestra: tutte, tranne il bagno.

Nella progettazione di una casa può capitare di dover inserire un bagno senza finestre. In questi casi è necessario considerare l’aggiunta di fonti di luce e di un’adeguata ventilazione, che consenta il ricambio d’aria.

Il primo obiettivo da raggiungere infatti è un ambiente salubre che aiuti a mantenere pareti e superfici ben asciutte.

Fonti di luce

Come accennato nel precedente paragrafo, in un bagno cieco avremo bisogno di luce, molta luce. Per questo nella scelta dell’arredamento è importante tenere da conto un lampadario con potenza adeguata e uno specchio retroilluminato.

Nel caso in cui queste soluzioni non si rivelassero sufficienti, sarà possibile intervenire con strisce led nella zona vasca o in prossimità della doccia.

Arredare un bagno senza finestre

Nella scelta del mobilio è preferibile evitare colori troppo scuri e tonalità opache, ma preferire toni chiari, luminosi e brillanti. Per aumentare la percezione spaziale, possiamo optare per uno specchio di grandi dimensioni che contribuisca sia a rendere lo spazio più ampio, sia a donare più luminosità.

In linea con le tendenze 2022 di arredamento potremo optare per uno stile minimal che sia funzionale ed esteticamente elegante. In questo modo, oltre a garantire lo spazio per muoversi all’interno del bagno, potremo scegliere lavabi sospesi, sanitari bianchi e a filo muro.

Mi raccomando cercate di limitare l’inserimento di accessori e componenti di arredo e di scegliere solo l’indispensabile per una resa funzionale.

Per quanto riguarda i materiali, abbiate cura di selezionare mobili trattati, impermeabili e considerate attentamente le caratteristiche specifiche del prodotto e la sua resistenza.

Con una progettazione adeguata potrai arredare il tuo bagno cieco senza problemi. Lasciati aiutare da un esperto e contatta Arredamenti Toia, cliccando qui.